SOTTO IL CRESSONI CI SONO ALTRI TESORI.
IL MINISTRO: SCOPERTA ECCEZIONALE

Monete d’oro romane in via Diaz, il soprintendente: «Là sotto reperti tutti da scoprire»

Il direttore della Soprin­tendenza ai beni culturali della Lombardia, Luca Rinaldi, sul ritrovamento dell’anfora piena di mo­nete d’oro sotto l’ex teatro Cressoni a Como ammette: «Le colleghe ar­cheologhe sono rimaste sbalordite. È senz’altro una scoperta eccezio­nale». Che si tratti di un qualcosa di stori­co lo conferma il fatto che lo stesso ministro ai Beni culturali, Alberto Bonisoli. nel dire che la scoperta «mi riempie di orgoglio» ha anche definito la città di Como quale un’area che «sta dimostrando di essere un vero e proprio tesoro per la nostra archeologia». Un tesoro che però, ora, imporrebbe «di proseguire con lo scavo, perché là sotto – conferma il Soprintendente – si nascondono reperti importantis­simi tutti da scoprire».
Sul futuro delle monete d’oro, infi­ne, il Soprintendente promette: «La cosa più logica è, ovviamente, che tornino a Como nel museo civico».

La Provincia di Como 8 settembre 2018
error: